Hai un’azienda e vuoi vendere on-line? Ecco alcuni consigli

Prima o poi qualunque azienda pensa di iniziare a vendere online i propri prodotti o servizi. Sono tantissime quelle che decidono di aprire il proprio negozio online, sperando di migliorare i propri affari. Nell’ultimo anno poi, a causa delle limitazioni dettate dall’emergenza sanitaria, moltissime attività che fino a quel momento non hanno mai pensato di aprire uno shop hanno deciso di farlo. Non tutte però l’hanno fatto adottando una strategia strutturata e, proprio per questo motivo, non hanno ottenuto i risultati sperati.
Vendere online richiede infatti una serie di attività realizzate su più canali, utilizzati in concerto tra loro. Se anche tu hai intenzione di iniziare a vendere on-line e non vuoi incappare in errori o passi falsi, continua a leggere. In questo articolo ti forniremo qualche informazione utile, per farlo nel migliore dei modi.

Indice argomenti

  1. Vendere online: i vantaggi
  2. Vendere on-line: tutto quello che precede l’apertura dello shop
  3. Vendere online: l’importanza della piattaforma
  4. Strategia: obiettivi, target e competitor
  5. Vendita online e omnicanalità
  6. SEO e vendita online: cosa c’è da sapere
  7. Gli errori da evitare

Vendere online: i vantaggi

Da qualche anno a questa parte, il segmento delle vendite online è in crescita. Tante persone, anche le più diffidenti, hanno iniziato ad acquistare online i prodotti che desiderano, anziché recarsi nei negozi fisici. Secondo alcuni dati, la maggior parte degli utenti acquistano online almeno una volta alla settimana. Alla luce di questo cambiamento nelle modalità di acquisto degli italiani, da sempre scettici verso gli acquisti online, è facile intuire quanto sia importante questo canale, se si desidera migliorare i propri affari.
Vendere online ha tantissimi vantaggi. Il più importante è indubbiamente quello di allargare il proprio mercato di riferimento. Un negozio fisico infatti lavora soprattutto su un pubblico locale, di persone che vivono all’interno di una zona geografica. Un negozio online invece abbatte qualunque confine geografico. Potrai vendere in tutta Italia oppure all’estero, non ci saranno più limiti al tuo business. Attenzione però: come potrai leggere tra poco, non è sufficiente aprire uno shop online per iniziare a vendere. Approcciandoti in questo modo alla vendita online rischi di rimanere deluso e di sprecare tempo e denaro. Occorre, come in tutte le attività online, una strategia solida.

Vendere on-line: tutto quello che precede l’apertura dello shop

A volte, ingenuamente, si pensa che vendere on-line riguardi esclusivamente l’apertura di uno shop. Ovviamente non è così. Ci sono tantissimi passaggi che precedono quella fase e sono tutti di grande importanza, se desideri che la tua strategia sia efficace. Il primo step è conoscere alla perfezione il prodotto che desideri vendere online. Banale dirlo, penseranno alcuni, ma saresti sorpreso nello scoprire quanti invece non conoscono quello che vendono. Capire le caratteristiche, i pro e i contro di un prodotto è il primo passo, uno dei più importanti, se si desidera avere successo. Occorre capire se il tuo prodotto può migliorare la vita di una persona e in che modo riesce a farlo. Questi aspetti saranno poi fondamentali per costruirci sopra la tua comunicazione.
A volte, si decide di vendere online gli stessi prodotti che si vendono all’interno del proprio negozio fisico, ma non è questa la strada giusta da percorrere. Infatti, il negozio online non deve semplicemente essere una riproduzione, ma deve essere realizzato sulla base delle esigenze dei tuoi potenziali clienti. Con una semplice replica, il rischio è quello di avere troppa scelta di prodotti, che potrebbero confondere gli utenti. Non devi essere una copia di Amazon, scegli cosa ti interessa vendere e concentrati su quello.

Altro aspetto molto importante è il tuo pubblico. A volte una nicchia è più semplice da intercettare rispetto a un pubblico più generico. Una buona strategia può essere, se si ha la possibilità, di offrire due tipologie di prodotto: una di nicchia e una adatta a tutti. E su entrambe realizzare una strategia ad hoc. In questo modo potrai capire quale pubblico è più ricettivo e lavorare su quello.

Altrimenti, un altro modo di procedere, potrebbe essere quello di capire, tramite ricerche su Google Keyword Planner (e tool analoghi), quali sono le parole chiave più utilizzate dagli utenti, sull’argomento che ti interessa. Questa mossa potrebbe aiutarti a capire cosa piace di più ai tuoi potenziali clienti. Lo stesso vale per Google Trends, uno strumento fondamentale per chi desidera capire il comportamento dei consumatori.

Vendere online: l’importanza della piattaforma

Naturalmente, un aspetto molto importante che riguarda un e-commerce è la sensazione di affidabilità che un utente avvertirà una volta entrato nel tuo sito. Questo significa che il web design dovrà essere curato, per permettere una navigazione semplice e intuitiva, gli utenti dovranno capire cosa fare e come muoversi al suo interno. Inoltre dovrai assicurarti di garantire la massima protezione durante gli acquisti, sia dei dati personali che delle carte di credito. Questo aspetto influirà molto sulla voglia che gli utenti avranno di acquistare dal tuo shop.

Quando si decide di vendere online è importante fare una valutazione di tutte le possibilità offerte dalle piattaforme. Meglio vendere online su un CMS personalizzato o su uno dei grandi Marketplace? Ecco le mie valutazioni.

Vendere online su CMS personalizzato

Tra i CMS personalizzabili ci sono Prestashop, Magento e WooCommerce (su wordpress). Scegliendo questa strada avrai un sito tutto tuo dove vendere i tuoi prodotti. La visibilità ovviamente sarà maggiore, se adotterai la giusta strategia SEO, ma i costi saranno più alti. Nei CMS personalizzati sarai tu a scegliere l’immagine del tuo shop online e potrai presentare i tuoi prodotti come meglio credi. Questo ti garantirà una grande indipendenza sulle tue scelte. I risultati potranno essere più difficili da raggiungere, o almeno ci potrebbe volere un po’ di tempo, ma d’altra parte quando arriveranno saranno più duraturi. Infine, ultimo vantaggio, ma non per questo trascurabile: potrai ottenere il massimo dalle vendite dei tuoi prodotti e non dovrai pagare nessuna commissione, come invece accade sui Marketplace. I CMS richiedono però lavoro, sia per la realizzazione che per la manutenzione, e impegno. Infatti, dovrai avvalerti del lavoro di un webmaster o di un programmatore, e farti aiutare da un consulente di web marketing per la promozione online. Nella scelta della piattaforma, affidati a sistemi dal caricamento veloce e mobile friendly. Questi ultimi due aspetti sono molto importanti anche in ottica SEO.
Prestashop, Magento e WooCommerce sono le tre piattaforme di CMS personalizzabili più utilizzate. Ti permetteranno di tenere tutto sotto controllo, dai prodotti in magazzino fino alle attività di amministrazione. WooCommerce e Prestashop sono le due più semplici da utilizzare, inoltre anche il design è maggiormente user-friendly.

Vendere online su Marketplace

Sicuramente hai già sentito parlare di Amazon o Ebay. Il marketplace è come una sorta di centro commerciale virtuale, dove vengono riuniti diversi negozi e diverse tipologie di prodotto. I vantaggi dei grandi marketplace sono che le persone li trovano con facilità e si fidano istintivamente. Gli svantaggi sono l’enorme concorrenza e i costi.
Decidendo di vendere su un marketplace come Ebay e Amazon, dovrai pagare per avere il tuo spazio e vendere i tuoi prodotti. Non avrai i costi di realizzazione del tuo shop online, ma dovrai lasciare una percentuale per ogni vendita effettuata. Godrai però del senso di fiducia riflessa che gli utenti avvertono verso queste piattaforme. Infatti, molto spesso un utente compie più facilmente un acquisto su Amazon o Zalando, anziché su un sito web di un’azienda. Inoltre, i marketplace non ti permetteranno di costruire l’identità del tuo brand perché sarai semplicemente uno dei tanti.
Potrai decidere di utilizzare il marketplace, almeno all’inizio, per tastare il terreno. In questo modo capirai se c’è del potenziale per la vendita dei tuoi prodotti e, successivamente, aprire il tuo shop online.

Strategia: obiettivi, target e competitor

La strategia digitale, quando si parla di vendita online, è fondamentale. Grazie alla strategia potrai capire cosa spinge un utente ad acquistare un determinato prodotto. Della strategia fanno parte anche gli obiettivi. Quali ti interessa raggiungere? Scegli sempre obiettivi raggiungibili, anche se ambiziosi. In questo modo potrai evitare di buttare tempo e denaro. Quando scegli il prezzo di vendita dovrai tenere in considerazione alcuni fattori, come il valore di quello che vendi, i costi di spedizione e quelli di e-commerce. Non dovrai essere fuori dal mercato a causa di prezzi troppo alti, ma nemmeno svalutarti.
Inoltre, considera anche i tuoi competitor. Analizzando come si stanno muovendo online potrai capire anche quale strategia è migliore per te. Potrai prendere ispirazione per migliorare il tuo shop online. Un’altra ricerca importante, per sviluppare la tua strategia, è quella sulle abitudini dei consumatori. Impegnati a capire cosa amano, quali sono i loro bisogni e le loro esigenze, e fai in modo che il tuo prodotto possa soddisfarli. In questo gioca una grande importanza il racconto che riuscirai a farne.

Vendita online e omnicanalità

Una volta realizzato il tuo shop online, dovrai pensare a quali canali utilizzare per promuoverlo. Il web ne mette a disposizione diversi: dall’email marketing alle campagne a pagamento su Google, dai social network fino ai motori di ricerca. Il tuo obiettivo è di farti trovare da chiunque abbia un’esigenza specifica. Avrai già sentito parlare di Inbound Marketing. Con la tua strategia di web marketing dovrai fare in modo che il tuo e-commerce venga trovato ogni volta che un utente compie una ricerca per esaudire una necessità. La SEO è importante, così come lo sono le campagne Google ADS, i social network, le newsletter e i post sul blog.
L’omnicanalità è una buona strada da percorrere. Se non ne hai mai sentito parlare, si tratta dell’evoluzione naturale del concetto di multicanalità e mette, una volta in più, l’utente al centro del processo di marketing. Infatti, con l’omnicanalità, i vari canali di marketing e le microstrategie sono connesse l’una con l’altra, per dare vita ad un’esperienza a 360 gradi senza interruzioni. Questo significa che un utente inizierà l’esperienza su un canale e poi, in modo liquido, potrà continuarla su un altro.

SEO e vendita online: cosa c’è da sapere

Come avrai capito, non è sufficiente aprire un e-commerce per vendere online. Occorre lavorare sul posizionamento SEO per essere visibile sui motori di ricerca. Infatti, per gli e-commerce la fonte principale di traffico è la ricerca organica, quindi è importante ottimizzare il tuo sito in ottica SEO.

La SEO permetterà al tuo shop online di essere più visibile sui motori di ricerca. Grazie a una buona ottimizzazione di un sito sarà possibile intercettare le necessità di chi è già consapevole di quello di cui ha bisogno.
In ottica SEO, come già saprai, è importante individuare le migliori parole chiave e grazie a quelle dovrai ottimizzare il tuo shop online. Scegli le migliori riferite al tuo business tenendo in considerazione volumi di ricerca, di solito i tool utilizzati per il posizionamento offrono metriche su base mensile, competitività, indagando quali sono i siti che si posizionano meglio, e intento di ricerca, ovvero le parole chiave più commerciali o più informative. Quest’ultima distinzione è molto utile perché permette di capire quali contenuti creare, per intercettare gli utenti all’interno del funnel. Un consulente SEO, come SEO Leader, potrà aiutarti a capire meglio come muoverti e come ottenere il massimo dalle parole chiave che interessano il tuo business.
Una volta scelte le parole chiave potrai passare all’ottimizzazione dei tag. Ovvero: Tag Title, Meta Description, URL e Heading. Un aspetto SEO importante, che spesso viene sottovalutato, è l’ottimizzazione delle immagini. Su uno shop online ognuna deve essere completa di ALT, in questo modo anche le immagini potranno essere indicizzate da Google. Il nome del file dell’immagine dovrebbe essere “parlante”, esattamente come le URL.
Ogni prodotto dovrebbe avere una pagina dedicata, con tag specifici e un contenuto ottimizzato. Le pagine dedicate alle categorie merceologiche necessitano di particolare attenzione perché sono quelle che più di altre interessano a Google. Quindi ottimizzale in ogni aspetto.
Il blog può aiutarti molto nel posizionamento del tuo sito. Chi cerca informazioni sui tuoi prodotti potrà trovarle su un canale ufficiale connesso al tuo sito. Il blog inoltre è utile anche per rispondere alle domande e ai dubbi degli utenti. Ti aiuterà a far crescere l’affidabilità e la fiducia delle persone nei tuoi confronti. E’ fondamentale dunque sviluppare un piano editoriale SEO che guida la tua content strategy.

Gli errori da evitare

Se hai già un e-commerce, ma fai fatica a farlo funzionare potrebbe dipendere da alcuni errori. Il primo potrebbe riguardare le immagini, magari di scarsa qualità o poco invitanti. Le fotografie fanno molto del lavoro di persuasione alla vendita. Gli utenti quando arrivano su un e-commerce giudicano dalla copertina quindi investi un po’ di più su foto professionali, magari avvalendoti di un fotografo.
Altro errore molto comune che si incontra in tantissimi e-commerce è la descrizione dei prodotti. Spesso è superficiale o troppo breve. In realtà una buona descrizione è quella che usa il tono di voce giusto per il pubblico di riferimento.
Uno dei problemi più comuni di un e-commerce, che impedisce il suo posizionamento sui motori di ricerca, sono poi i testi duplicati. Soprattutto per quanto riguarda le descrizioni dei prodotti si tende a replicare i testi dell’azienda produttrice. I testi duplicati non sono ben visti da Google, che tende a dare maggiore visibilità ai siti che contengono testi originali.
Altro problema potrebbe essere la mancanza di recensioni. Moltissimi utenti invece decidono se acquistare o meno un prodotto in funzione delle opinioni di chi ha già acquistato quel determinato prodotto.
Infine, cura sempre con grande attenzione il processo di acquisto. Se è troppo arzigogolato o complicato può scoraggiare gli utenti intenzionati a comprare. Gli e-commerce migliori sono quelli intuitivi, dove non ci sono troppi click tra la scelta del prodotto e l’acquisto.

Consulenza per vendere on-line sul tuo e-commerce: Inizia Oggi!

Leggendo questo articolo avrai già capito cosa funziona e cosa no nel tuo modo di vendere online. Se invece desideri migliorare ancora di più i tuoi affari rivolgiti a un consulente di web marketing, come SEO Leader. Ti aiuterò a mettere in piedi la strategia giusta per i tuoi prodotti e a migliorare il fatturato del tuo e-commerce.

Contattami per una chiacchierata e per iniziare da subito a vendere online i tuoi prodotti!

SEO Leader un partner per il tuo successo online

Vuoi ricevere traffico qualificato da Google e incrementare visibilità e conversioni?
Contattami e costruiremo un business di successo

Vuoi ricevere traffico qualificato da Google e incrementare visibilità e conversioni?

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI* Se ci contatti o compili il form in questa pagina ti informiamo che i dati personali che ci hai volontariamente fornito verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta posta ed eventualmente la mail generata potrà essere conservata all’interno del sistema di ricezione di email utilizzato dal titolare del sito. Questi dati non verranno registrati su altri supporti o dispositivi, né verranno registrati altri dati derivanti dalla tua navigazione sul sito e non saranno utilizzati per nessuna altra finalità (INFORMATIVA ART.13 REGOLAMENTO 679/2016)

Compila il breve questionario e riceverai in Omaggio un esclusivo e-book!

“Guida al SEO Copywriting - Come realizzare un articolo ottimizzato SEO e utile per gli utenti”

Consulente SEO | SEO Specialist | Esperto SEO | SEO Milano

Cosa contiene l'e-book?

Un’introduzione pratica alla creazione di contenuti che siano ottimizzati per i motori di ricerca.

Tra i temi che potrai approfondire ci sono:

  • Come scegliere le parole chiave per ottimizzare il tuo contenuto.
  • Come creare il titolo accattivante e ottimizzato SEO.
  • Consigli per strutturare un articolo per il web
    cosa sono tag title, meta description e H.
  • Tanti suggerimenti per la creazione di un blog basato sulla scrittura persuasiva.

Compila il questionario:

Dove ci hai conosciuto:
Ti interessa ricevere un SEO Audit Gratuito del tuo sito?
TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI* Se ci contatti o compili il form in questa pagina ti informiamo che i dati personali che ci hai volontariamente fornito verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta posta ed eventualmente la mail generata potrà essere conservata all’interno del sistema di ricezione di email utilizzato dal titolare del sito. Questi dati non verranno registrati su altri supporti o dispositivi, né verranno registrati altri dati derivanti dalla tua navigazione sul sito e non saranno utilizzati per nessuna altra finalità (INFORMATIVA ART.13 REGOLAMENTO 679/2016)