SERVIZI SEO
SERVIZI PER CMS
SERVIZI DIGITAL MARKETING

Ci sono “cose” destinate a restare intatte nel tempo, che neanche il tempo scalfirà. Il SEO Copywriting è una di queste.

Forse è più corretto scrivere “SEO + Copywriting”, per chi sostiene che in ogni caso scrivere per il web richiede per forza un testo SEO-oriented. Tuttavia, non è sempre così facile capire quale sia questo orientamento.

Seguirne tutti i risvolti può essere complicato, richiede aggiornamenti fondati su informazioni autorevoli, soprattutto considerando i periodici cambiamenti dei motori di ricerca come Google.

E così, in barba alle definizioni, entriamo nel vivo di questo articolo che vuole far luce sulle ultime tendenze nel SEO copywriting e al termone per chi vuole sperimentare consente anche di avere un ebook gratuito.

Chi scrive questa guida sul SEO Copywriting

Chi scrive questa guida sul SEO Copywriting è un esperto SEO Specialist consulente e formatore, certificato nell’ambito della consulenza SEO e Digital Marketing, forte di un’esperienza internazionale e di una conoscenza maturata negli anni in area Digital Marketing e più specificamente ✓SEO ✓PPC ✓Digital PR ✓Content Marketing, responsabile di numerose collaborazioni su progetti in più settori merceologici.

La SEO è ancora necessaria?

Sono tante le novità in questo ambito, non da ultime quelle legate all’Intelligenza Artificiale che entra nelle SERP di Google con la SGE (Search Generative Experience) restituendo risposte immediate nella parte alta della pagina, quella occupata dai feature snippets (risultati zero). Ma questo non deve far pensare che non ci sia più posto per il posizionamento organico! Perché l’AI si nutre dei nostri contenuti, pertanto farne di qualità per essere scelti come fonti autorevoli deve restare una delle massime priorità del content creator.

Anzi, è sempre più importante concentrare le proprie energie sulla qualità dei contenuti basati sull’intento di ricerca (search intent), andando oltre la parola chiave, offrendo contenuti completi, utili e informativi.

La SEO è necessaria nella misura in cui abbraccia più livelli operativi, non più limitati alla rosa delle keyword, ma estesi alla copertura di tutti i topic correlati all’argomento chiave/centrale.

SEO Copywriting
SEO Copywriting

Ecco che diventa sempre più importante per le aziende dimostrare le competenze attraverso pagine di qualità, risorse autorevoli divulgate da siti performanti anche dal punto di vista dell’usabilità lato utente e tecnico (lato motori di ricerca).

L’identità di brand assume sempre più rilevanza, facendo leva sia sulla visibilità fisica, ossia come sito web che si posiziona tra i primi risultati, sia come entità capace di posizionarsi nella mente e nel cuore dei lettori/consumatori.

Per raggiungere questo risultato, è necessario fare un lavoro coordinato che metta in campo SEO e copywriting.

seo copywriting

Cos’è il SEO Copywriting?

Sia che tu ne sappia già, sia che tu stia cercando informazioni sulla materia per farne un vessillo della tua comunicazione, ecco cos’è questa avvincente disciplina.

Il SEO copywriting consiste nella scrittura di contenuti che riescono a posizionarsi su Google grazie alle buone pratiche dell’ottimizzazione SEO (link ad articolo relativo) come la ricerca di parole chiave pertinenti, e che siano, però, anche piacevoli da leggere: informativi, utili per le persone che stanno cercando una risposta esaustiva alle loro ricerche.

L’elemento “persuasivo” di cui tanto si parla come essenza del copywriting, è importante ma non nella misura in cui si fa leva sulla spettacolarizzazione di un fatto o di un dato, ciò che rende un testo spesso poco credibile e artefatto.

Piuttosto un buon testo deve poggiare su una buona architettura delle informazioni che copra tutti gli argomenti principali e correlati, attraverso un’esposizione chiara, semplice, che renda fluida la lettura e la comprensione dei concetti essenziali. Ma allo stesso tempo provvista di quei dettagli che altrove non si trovano, e che possono arricchire l’informazione rendendola quanto più specifica possibile. Questa è la vera leva persuasiva.

Ricordiamo che la lettura online non deve stancare, inibire e allontanare le persone, ma trasformarne l’impegno profuso in un piccolo viaggio di valore tra le parole.

Questo significa creare testi ricchi di informazioni utili, ma anche utilizzare parole chiave strategicamente posizionate, meta tag appropriati e un’architettura del sito ben strutturata. L’obiettivo è spingere il lettore a compiere azioni specifiche.

Dunque, il SEO copywriting è una strategia di scrittura che si muove su due livelli: combina l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) con la creazione di contenuti di qualità per attirare traffico organico e aumentare le conversioni.

Perché è importante il SEO Copywriting?

Se prima ci si concentrava di più sulla grafica e sull’estetica del sito web, perdendo anche mesi nella progettazione del layout, oggi diventa sempre più importante curare una Content Strategy e la produzione dei contenuti web con un piano editoriale chiaro, e un piano editoriale SEO, per farsi percepire come la risorsa autorevole nel proprio settore e per posizionarsi tra i primi risultati della SERP con testi che sanno stimolare l’interesse delle persone.

Contenuti che si posizionano bene e ricevono molto traffico di ricerca ma che non contribuiscono agli obiettivi aziendali, sono inutili. E lo stesso vale per i contenuti coinvolgenti che non ottengono traffico (visite) perché non si posizionano sui motori di ricerca.

Da queste premesse nasce la combo di SEO + copywriting. L’unione di SEO e copywriting è necessaria per posizionarsi e ottenere visibilità in rete, sui motori di ricerca, e agli occhi delle persone che cercano online prodotti e servizi.

 

SEO Copywriting | Content Strategy
SEO Copywriting | Content Strategy

I marketer usano questo strumento per combinare i principi fondamentali della SEO con le tecniche di copywriting, per creare contenuti che si posizionano in alto sui motori di ricerca e che, allo stesso tempo, riescano a stimolare un’azione (richiedere informazioni e/o preventivi, condividere, iscriversi a una mailing list, acquistare un prodotto o un servizio…).

Dunque, se hai un business online è fondamentale costruire una strategia di SEO copywriting per la tua azienda perché tutti ormai facciamo acquisti in rete. O comunque cerchiamo informazioni sul web, nei vari punti di contatto attraverso i quali ci muoviamo (desktop, smartphone, social, siti, app, annunci, ecc).

Come scrivere un testo SEO

Immaginiamo di voler scrivere un testo che vogliamo posizionare, dunque, vediamo come funziona nella pratica la scrittura in chiave SEO.

Il SEO copywriting rappresenta la sinergia tra la creazione di testi persuasivi e l’applicazione di tecniche SEO. L’obiettivo è posizionare i contenuti tra i primi risultati di Google migliorandone la visibilità grazie a pratiche di ottimizzazione on-page. Questo processo inizia con la scelta strategica delle parole chiave, inserendole nei nostri testi e nel codice HTML ottimizzato.

Keyword Research – Ricerca delle keyword

Iniziamo con la ricerca delle parole chiave che ruotano attorno a un determinato argomento o topic. Chiaramente, se si vuole ottenere traffico bisogna scrivere contenuti attinenti al proprio settore e che siano ricercati dalla audience che si vuole intercettare.

La ricerca delle parole chiave è il processo attraverso il quale scoprire quelle parole che il proprio pubblico di riferimento utilizza quando cerca prodotti e servizi simili a quelli che offri, e utilizzare queste parole chiave nel contenuto per attirare le persone sul proprio sito.

Per il SEO copywriting, questa ricerca è fondamentale perché ti aiuta a scoprire l’intento dell’utente dietro le parole chiave cercate, in modo da poter scrivere un copy che risuoni con le loro esigenze.

La ricerca delle parole chiave è un componente essenziale di qualsiasi strategia di SEO perché ci aiuta a inquadrare la nostra audience, portandoci a chiederci di cosa ha bisogno; quali domande e preoccupazioni può avere; come possiamo aiutare a risolverle.

È bene partire da questi punti essenziali: le persone cercano online per ottenere diverse risposte:

  • ricerca di un sito specifico (navigational query)
  • ricerca di informazioni (informational query)
  • ricerca di approfondimenti su servizi e prodotti per acquisti (commercial query)
  • ricerca di prodotti o servizi da acquistare (transactional query).

 

Quindi, prima di passare ai fatti, alla scrittura del testo, dobbiamo fare alcuni ragionamenti sul target dei nostri contenuti, sull’intento di ricerca e su una lista di keyword o parole chiave che corrispondano alle ricerche / domande (query) che si pongono le persone quando cercano qualcosa in rete.

Ad esempio: “Dove mangiare una buona pizza a [nome città]”.

In questo caso, si tratta di una ricerca locale che si concentra su una pizzeria in una città specifica.

Ragionare sulle parole chiave da usare per creare un contenuto con un obiettivo chiaro, è fondamentale per informare il lettore o per spingerlo alla conversione.

A questo proposito, un’altra considerazione importante riguarda la classificazione delle parole chiave in base al già citato intento di ricerca. Nella scelta delle parole chiave e nella scrittura del contenuto, pensando alla persona alla quale ti rivolgi, chiediti:

  • è consapevole di ciò di cui ha bisogno?
  • conosce il prodotto o il servizio?
  • vuole solo informazioni o vuole fare un acquisto mirato?

 

Da queste considerazioni nasce il percorso di lettura che inizia con un testo informativo per traghettare la persona verso contenuti orientati alla vendita.

Questo concetto viene raffigurato dall’immagine di un imbuto che ben rappresenta il viaggio online tra i contenuti: top of the funnel (all’inizio, quando si stanno cercando solo informazioni, es: come fare la pizza con il lievito madre); middle of the funnel (a metà del funnel: “quale lievito madre serve per fare la pizza”), bottom of the funnel (in fondo al funnel: “dove posso trovare il lievito madre online?”).

Ora, il concetto è molto più ampio di questo breve accenno, ma rimando a questo articolo sul funnel di vendita, dove ne ho parlato in modo più dettagliato.

Per tornare al nostro esempio, è piuttosto evidente che un contenuto incentrato sulla query “dove posso trovare il lievito madre online”, sia decisamente orientato alla conversione. La persona sta cercando il prodotto, e se sai come scrivere una pagina di vendita, puoi assicurarti la conversione.

Altro genere di parole chiave da includere nella propria lista delle keyword da usare, sono quelle cosiddette “a coda lunga”, come per esempio “come fare l’impasto per la pizza”, che è diversa da “impasto per pizza”.

Queste parole chiave, un tempo ritenute poco competitive, sono molto profittevoli e da sfruttare nei contenuti perché più mirate e vantaggiose nel portare un traffico organico più specifico. Ma non solo, con la sempre maggiore ricerca vocale, le query diventano più conversazionali, dunque incentivano l’uso delle parole chiave a coda lunga.

La rilevanza – Intento di ricerca (Search Intent)

Partiamo dal presupposto che Google considera prioritaria la soddisfazione delle persone nel reperire solo contenuti davvero rilevanti.
Diventa fondamentale inquadrare una parola chiave considerandone la corrispondenza con il search intent (intento di ricerca).

Il successo del posizionamento organico dipende da più fattori, ma uno di questi riguarda l’allineamento all’intento di ricerca. Dunque, si deve valutare quale genere di contenuto sia già posizionato in SERP, e con il quale misurarci per superarlo:

  • articolo di blog
  • video
  • scheda prodotto di un eCommerce
  • listing di categoria di un eCommerce
  • un tool

 

Non c’è niente di meglio che aguzzare la vista e fare un bel giro in SERP per vedere cosa hanno pubblicato i siti competitor che si sono posizionati ai primi posti.

Facciamo un esempio.

Se volessimo creare un contenuto su: “come scrivere un testo SEO”, dovremmo considerare che la maggior parte delle pagine posizionate pubblica articoli informativi. Non pagine di prodotto, né tantomeno video.

Se, invece, volessimo pubblicare un contenuto su “come fare la pizza in casa”, allora potremmo osservare un mix di risorse: articoli informativi ma anche video dimostrativi. Ovviamente, la query si presta a un bel video operativo su come preparare la pizza.

SEO semantica, le correlazioni all’interno del testo

Google è in grado di analizzare i collegamenti semantici, ovvero la connessione tra parole e frasi all’interno di uno stesso argomento o contesto, e di riconoscerne il campo semantico grazie al famoso algoritmo Hummingbird (2013).

All’interno della SEO semantica, assume un ruolo fondamentale l’ottimizzazione delle entità semantiche.

Ecco perché è importante lavorare per estensione e sviluppare più sotto argomenti che coprano ogni aspetto del tema principale.

Questa ampiezza semantica, che fa leva sulle keyword principali, su quelle correlate e sulle co-occorrenze, aumenta la qualità del testo che si posiziona per più parole chiave; dice a Google di cosa tratta l’articolo, e dimostra che l’autore è un esperto del tema, dal momento che utilizza una serie di termini correlati.

Come trovare i sottoargomenti?

Con i diversi tool che abbiamo a disposizione, sia gratuiti sia a pagamento (guarda questa risorsa interessante di Search Engine Journal che recensisce 44 strumenti per scoprire cosa cercano le persone in rete) ma anche adottando del buon senso.

Un esempio.

Tornando a parlare della pizza da fare in casa… possiamo ampliare il contenuto parlando anche di altri argomenti, tra questi:

  • vari condimenti con i quali farcire le pizze
  • le farine alternative per chi ha un’intolleranza al glutine
  • come congelare l’impasto della pizza se non lo consumiamo tutto…

 

Questa estensione dà modo a Google di poter intercettare un topic correlato sicuramente utile per chi legge. Oltre a rafforzare l’autorevolezza del brand (dunque, da valutare anche come elemento fondamentale in una Strategia di Branding Digitale) in un settore specifico, nel quale ci troviamo ad agire come esperti con una determinata expertise.

E come sappiamo, Google ha creato un sistema di valutazione dei contenuti sulla scorta del parametro E.E.A.T. che sta per Esperienza, Competenza, Autorevolezza e Affidabilità, che non è un fattore di ranking dell’algoritmo di ricerca di Google.

A questo proposito, da aggiungere che valorizzando la E di experience (esperienza) di quella sigla acronimo, è un modus operandi che ripaga anche sul versante dell’originalità dei testi aggiungendo esperienze personali per dare consigli e suggerimenti reali, provati e testati, non generici.

Una volta create queste premesse, iniziamo a scrivere il testo. Ma non siamo ancora nella parte dedicata al copywriting.

Posizione zero o feature snippet: entra subito nel vivo

A chi non stuzzica l’idea di occupare la posizione zero, conosciuta anche come Featured Snippet su Google?

Questa posizione ti fa apparire in alto, sopra i risultati organici tradizionali.

Ecco come puoi ottimizzare il tuo contenuto per avere maggiori possibilità di apparire in questa ambita posizione.

  • Segui il metodo della piramide rovesciata usata nel giornalismo, che parte dal focus sulla risposta specifica.
  • Identifica le domande rilevanti: ricerca le domande frequenti relative al tuo argomento utilizzando strumenti come AnswerThePublic, Google’s People Also Ask, o semplicemente osservando le ricerche correlate in fondo alla pagina dei risultati di ricerca di Google.
  • Crea contenuti a risposta diretta: sviluppa contenuti che rispondono direttamente a queste domande in modo conciso ed esaustivo con informazioni precise e dirette, preferibilmente formattate in elenchi puntati, elenchi numerati o tabelle quando appropriato.
  • Ottimizza i Tag HTML per evidenziare le informazioni che potrebbero essere utilizzate per gli snippet. Ad esempio, usa i tag <h2> o <h3> (headings) per le domande e rispondi immediatamente sotto questi titoli.
  • Struttura dei Dati: implementa lo schema di markup strutturato (come org) per aiutare i motori di ricerca a comprendere il contesto del tuo contenuto.
  • Ottimizza per la Ricerca Vocale: molti snippet vengono utilizzati per rispondere a domande fatte tramite la ricerca vocale.
  • Aggiorna i contenuti perché Google preferisce dare visibilità a contenuti che vengono mantenuti freschi e accurati nel tempo.

Ottimizzazione SEO on page

Entriamo nel vivo di come ottimizzare un testo in ottica SEO.

L’ottimizzazione on-page è sempre importante per garantire che i contenuti non solo raggiungano il pubblico desiderato ma anche che emergano in modo organico sui motori di ricerca attraverso alcune regole di SEO on page:

  • Analisi e ricerca delle parole chiave pertinenti
  • Analisi dei competitor.
  • Contenuti originali e arricchiti da informazioni utili ed esperienze first-hand. Google penalizza i contenuti duplicati. Ma del resto, un contenuto copiato non penalizza solo il posizionamento SEO bensì anche la reputazione del proprio sito.
  • Titoli di pagina H1 e gerarchia dei sottotitoli. I titoli delle pagine dovrebbero essere unici, con tag H1 che catturano l’essenza del contenuto. Una struttura testuale gerarchica, che utilizza paragrafi e sottotitoli chiari, guida il lettore attraverso il contenuto.
  • La prominenza della keyword. Le parole chiave non sono solo importanti, ma devono essere anche posizionate strategicamente all’inizio di titoli e paragrafi.
  • Titoli SEO e Intento di Ricerca. I titoli SEO devono essere unici e anche riflettere l’intento di ricerca dell’utente. Includi la keyword principale nel titolo SEO affinché sia pertinente con il contesto.
  • Meta Description e CTR. Una meta description ben scritta deve riassumere il contenuto di una pagina e può aumentare il CTR dalla SERP. È il primo strumento di persuasione per invogliare l’utente a cliccare.
  • Ottimizzazione delle immagin Le immagini devono avere alt tag descrittivi e i file devono essere rinominati correttamente prima dell’upload. Questi accorgimenti facilitano la comprensione del contenuto da parte delle persone e degli spider dei motori di ricerca.
  • URL fri URL descrittive, brevi e chiare aiutano l’utente e i motori di ricerca a comprendere il contenuto della pagina.
  • Linking interna. Link interni ben strutturati migliorano la navigabilità e incoraggiano l’utente a prolungare la sessione sul tuo sito.
  • Link Esterni e Anchor Text. I link esterni dovrebbero puntare a fonti autorevoli e aprire i contenuti in una nuova finestra, mentre gli anchor text devono offrire un’anteprima precisa del contenuto della pagina linkata.
  • Attenzione ai link rotti. Fai un check per verificare che non ci siano pagine 404!
  • Ottimizza la performance / velocità del sito e la UX. Implementa gli elementi tecnici per superare l’analisi basata sui Core Web Vitals e migliorare l’esperienza utente (UX). Il sito deve essere usabile, veloce e ottimizzato per il mobile.

Cos’è il Copywriting

Adesso vediamo cos’è il copywriting e come sfruttarlo nella scrittura seo-oriented.

Il copywriting è uno strumento di marketing che ha come obiettivo quello di generare conversioni. È un processo di scrittura di testi che punta a motivare le persone interessate (un target scelto in base all’intento di ricerca e all’analisi della buyer persona) a compiere una qualche azione o, appunto, una conversione.

Le conversioni possono essere diverse, tra queste:

  • riempire un form di contatto
  • aprire una chat con il negozio online
  • iscriversi a una newsletter
  • richiedere informazioni, una consulenza o un preventivo
  • cliccare su un link

e tutto ciò che implica un’azione che genera interesse e azione.

Ne va da sé che è fondamentale poter contare su una strategia di marketing e su un copy capaci di generare testi che sappiano stimolare un’azione, facendo leva sui bisogni delle persone, sull’uso ragionato di contesti (frame) e di parole capaci di attirare l’attenzione e stimolare un’azione.

Le parole possono avere un grande impatto sul comportamento delle persone, possono fare la differenza tra un semplice lettore e un cliente che decide di accordare la sua fiducia.

Possiamo sintetizzare per punti gli obiettivi del copywriting:

  • portare in evidenza con testi efficaci la mission aziendale, trovando la propria USP (Unique Selling Proposition)
  • convertire i visitatori con testi persuasivi e inviti all’azione o CTA
  • eliminare i visitatori irrilevanti e aumentare il traffico qualificato (con contenuti mirati)
  • aumentare il posizionamento su Google
  • Costruire la credibilità e autorità nel settore o nicchia per guadagnare la fiducia dei potenziali clienti.

Dove si utilizza il copy

Il copywriting si applica a diverse forme di comunicazione: Tutto ciò che è Content Marketing può avvalersi del copywriting. Dunque possiamo sfruttare questo strumento per scrivere:

  • pagine del sito web
  • schede prodotto (con le descrizioni che entrano nel dettaglio delle caratteristiche e dei vantaggi)
  • articoli del blog (dove si scrive di un problema che il prodotto o servizio può risolvere, o dove si mostra in un video come può risolverlo)
  • landing page
  • e-mail
  • lettere di vendita
  • annunci pubblicitari su Google
  • post dei social media
  • pulsanti CTA.

Conosci il tuo pubblico

È un’operazione equipollente alla ricerca keyword che è assimilabile alla ricerca di mercato di riferimento. Ma in questo caso, si tratta di delineare un profilo di persona alla quale rivolgere il messaggio.

Il primo passo per un copywriting efficace è conoscere il proprio pubblico attraverso la ricerca delle persone potenzialmente interessate all’acquisto.

Le persone interessate all’acquisto sono rappresentazioni fittizie di ciò che il tuo cliente ideale cerca, sulla base di ricerche di mercato, dati aziendali esistenti e profili dei clienti.

Lo strumento Make My Persona di HubSpot può essere d’aiuto guidandoti attraverso un processo passo-passo per definire chi sono, scoprire i loro principali problemi e le soluzioni che cercano in base alle loro esigenze.

 Tecniche persuasive nel copywriting

La scrittura persuasiva richiede una buona comprensione dell’audience di riferimento, delle loro esigenze e dei loro desideri.

Le tecniche persuasive devono creare il coinvolgimento emotivo, far leva sulla specificità di titoli, descrizioni dettagliate; sull’utilizzo delle testimonianze a supporto e sulla creazione dell’urgenza a fronte dell’offerta di vantaggi irresistibili (per il pubblico di riferimento!).

Come sfruttare la leva persuasiva in pratica:

  • Crea un coinvolgimento emotivo attraverso le storie che facilitano il coinvolgimento e la connessione con il messaggio sottostante grazie alle parole, alle immagini, ai video.
  • Metti in risalto i vantaggi: saper comunicare i vantaggi e i risultati che si ottengono grazie al prodotto o servizio in questione, incentiva a compiere un’azione.
  • Crea un senso di urgenza: l’urgenza ha l’obiettivo di spingere a compiere un’azione attraverso frasi come “offerta limitata”, “solo per un periodo limitato” o “ultimi posti disponibili”.
  • Usa le testimonianze dei clienti soddisfatti per dimostrare il valore del tuo prodotto o servizio: le testimonianze possono aumentare la credibilità e la fiducia del lettore nel prodotto o servizio.
  • Call to action o chiamata all’azione: indicare al lettore cosa fare e come farlo (“Acquista ora” o “Iscriviti qui” alla fine delle descrizioni dei prodotti).
  • Usa le formule più funzionali del copywriting come la PAS (Problem-Agitate-Solution): questa formula usata come introduzione attira i lettori e li porta a leggere il resto.

Errori comuni da evitare nel SEO Copywriting

Tra gli errori più diffusi c’è il keyword stuffing, una pratica antiquata che consiste nel sovraccaricare i tuoi testi con un’eccessiva ripetizione delle parole chiave, rendendoli innaturali e sgradevoli sia per i lettori sia per i motori di ricerca.

Inoltre, la pubblicazione di contenuti duplicati o superficiali non solo disattende le aspettative dei tuoi visitatori, ma può anche innescare penalizzazioni da parte dei motori di ricerca.

Anche l’utilizzo di meta tag non pertinenti, che non riflettono accuratamente il contenuto della pagina, può confondere gli algoritmi di ricerca e i potenziali visitatori, sabotando l’efficacia dei tuoi sforzi SEO.

Attenzione alla leggibilità dei copy: più è difficile leggere il testo, meno probabile diventa convertire gli utenti. Se ci si deve impegnare molto per capire ciò che offri, è probabile che li perderai lungo il percorso.

Ciò significa evitare gergo e verbosità e includere solo ciò che è più pertinente a ciò per cui stai creando il copy. Il copy dovrebbe aiutare le persone a raggiungere senza sforzo le soluzioni che stai fornendo attraverso il copy che spiega tutto in modo chiaro.

Consigli sul SEO copywriting

Ecco alcuni consigli che possono giovare al posizionamento SEO:

  • Analizza la prima pagina di Google (ovvero i tuoi concorrenti). Digita la parola chiave per cui stai scrivendo e osserva le pagine che si posizionano in prima pagina. Quelli che vedi sono i contenuti che Google apprezza. Osserva tutti i sotto argomenti che trattano, i sottotitoli in h2 e h3 (puoi usare un’estensione gratuita per chrome come Detailed. Aggiungi ciò che manca ai testi dei tuoi competitor accorpando nel tuo contenuto gli h2 delle prime 20 pagine per quel termine di ricerca.
  • Quando studi i tuoi competitor, fai caso al tipo di contenuto che propongono, se post di blog, landing page, pagine di vendita, PDF, video, ai formati dei contenuti (how-to, listicle, opinioni, articoli di cronaca, recensioni, ecc.), e infine all’angolazione, ovvero se sono scritti per principianti o per esperti, con un punto di vista positivo, negativo o neutrale.
  • Prendi spunto anche dalle sezioni in SERP dedicate alle altre domande che si fanno le persone e alle ricerche correlate, per completare l’articolo con ulteriori spunti.
  • Utilizza un linguaggio naturale, non settoriale, usa la forma attiva, frasi e paragrafi brevi. Spezza le frasi lunghe con parole di transizione (ad esempio, “e”, “che”) in frasi brevi.
  • Includi i contenuti multimediali: inserisci video, immagini e GIF per arricchire e valorizzare i contenuti.

Come può aiutarti il SEO Copywriting

Non si tratta più solo di saturare le pagine web di parole chiave, ma di usare quelle parole in un tessuto narrativo che risuoni con il tuo pubblico di riferimento, con l’intento di attirare gli occhi e gli orecchi interessati.

Miglioramento della qualità del traffico

Il SEO copywriting può attrarre visitatori di qualità. Concentrandosi su contenuti pertinenti e di valore, mira a intercettare un pubblico che ha già espresso, attraverso le sue ricerche, un interesse specifico per temi correlati ai tuoi prodotti o servizi. Questo affinamento del target porta al tuo sito traffico qualificato, ovvero visitatori che sono già predisposti verso ciò che offri, incrementando così le probabilità di conversione.

Aumento dell’autorevolezza del Brand

La creazione di contenuti ottimizzati non è solo una questione di visibilità, ma anche di reputazione. Fornire informazioni utili, accurate e facilmente fruibili attraverso il tuo sito web stabilisce il brand come riferimento nel settore. Quando le persone trovano risposte alle loro domande e soluzioni ai loro problemi, la fiducia nel marchio cresce. Questa autorità guadagnata si traduce in un vantaggio competitivo significativo, in quanto i clienti tendono a preferire aziende che dimostrano competenza e affidabilità.

Maggior engagement e fidelizzazione del cliente

Attraverso il SEO copywriting puoi creare anche un’esperienza utente coinvolgente che può portare a una maggiore interazione e fidelizzazione. Contenuti ben scritti e ottimizzati mantengono le persone più a lungo sul tuo sito, riducendo il bounce rate e incoraggiando l’esplorazione di altre pagine web. Inoltre, la creazione di contenuti pertinenti e di valore che rispondono alle esigenze e interessi del tuo pubblico incoraggia la condivisione sui social media e altri canali, amplificando la tua portata e costruendo una community di follower. Queste interazioni positive non solo rafforzano la lealtà alla brand, ma possono anche trasformarsi in potenti testimonianze che alimentano la crescita del brand.

Guida al SEO Copywriting – Come realizzare un articolo ottimizzato SEO e utile per gli utenti: scarica anche il mio ebook.

Hai mai desiderato creare contenuti che non solo catturino l’attenzione degli utenti, ma che siano anche irresistibili per i motori di ricerca? Bene, è il momento di trasformare il tuo desiderio in realtà con la mia esclusiva “Guida al SEO Copywriting – Come realizzare un articolo ottimizzato SEO e utile per gli utenti”.

Non perdere l’opportunità di elevare il tuo SEO Copywriting a un livello completamente nuovo. Scarica la guida oggi e inizia a scrivere il tuo successo online!

Cosa contiene l’e-book?

Consulente SEO | SEO Specialist | Esperto SEO | SEO Milano

 

 

  • Un’introduzione pratica alla creazione di contenuti che siano ottimizzati per i motori di ricerca.
  • Tra i temi che potrai approfondire ci sono:
  • Come scegliere le parole chiave per ottimizzare il tuo contenuto.
  • Come creare il titolo accattivante e ottimizzato SEO.
  • Consigli per strutturare un articolo per il web
  •  Cosa sono tag title, meta description e H.
  •  Tanti suggerimenti per la creazione di un blog basato sulla scrittura persuasiva.

SEO Leader un partner per il tuo successo online

Vuoi ricevere traffico qualificato da Google e incrementare visibilità e conversioni?
Contattami e costruiremo un business di successo

Vuoi ricevere traffico qualificato da Google e incrementare visibilità e conversioni?

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI* Se ci contatti o compili il form in questa pagina ti informiamo che i dati personali che ci hai volontariamente fornito verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta posta ed eventualmente la mail generata potrà essere conservata all’interno del sistema di ricezione di email utilizzato dal titolare del sito. Questi dati non verranno registrati su altri supporti o dispositivi, né verranno registrati altri dati derivanti dalla tua navigazione sul sito e non saranno utilizzati per nessuna altra finalità (INFORMATIVA ART.13 REGOLAMENTO 679/2016)

Compila il breve questionario e riceverai in Omaggio un esclusivo e-book!

“Guida al SEO Copywriting - Come realizzare un articolo ottimizzato SEO e utile per gli utenti”

Consulente SEO | SEO Specialist | Esperto SEO | SEO Milano

Cosa contiene l'e-book?

Un’introduzione pratica alla creazione di contenuti che siano ottimizzati per i motori di ricerca.

Tra i temi che potrai approfondire ci sono:

  • Come scegliere le parole chiave per ottimizzare il tuo contenuto.
  • Come creare il titolo accattivante e ottimizzato SEO.
  • Consigli per strutturare un articolo per il web
    cosa sono tag title, meta description e H.
  • Tanti suggerimenti per la creazione di un blog basato sulla scrittura persuasiva.

Compila il questionario:

Dove ci hai conosciuto:
Ti interessa ricevere un SEO Audit Gratuito del tuo sito?
TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI* Se ci contatti o compili il form in questa pagina ti informiamo che i dati personali che ci hai volontariamente fornito verranno utilizzati esclusivamente per rispondere alla richiesta posta ed eventualmente la mail generata potrà essere conservata all’interno del sistema di ricezione di email utilizzato dal titolare del sito. Questi dati non verranno registrati su altri supporti o dispositivi, né verranno registrati altri dati derivanti dalla tua navigazione sul sito e non saranno utilizzati per nessuna altra finalità (INFORMATIVA ART.13 REGOLAMENTO 679/2016)